Tre Ti Spa: da più di 35 anni nell’Illuminotecnica

Tre Ti a Roma dal 1970

"

La storia di quella che è diventata poi l'attuale Tre Ti Spa, che nel tempo ha conosciuto tantissime evoluzioni, si può dire che ebbe inizio tra il 1978 e il 1979 quando Roberto Melis ed Arcadio Di Staso entrarono nella Quartz Color, l'azienda più grande e diffusa di illuminatori cine televisivi del mondo, dove, sotto la guida di Giovanni Ianiro, appresero le conoscenze utili nel settore e si affermarono gradualmente.

In questo percorso di crescita ebbero un ruolo importante tecnici di spessore degni di menzione: Guido Baroni, Sergio Rossi, Pasquale Netti, Nando Campolmi, Lombardini, Giorgio Nisi tra tutti.

Il 1981 fu anno significativo sia perché i due iniziarono a camminare autonomamente sia perché in quell'anno il settore teatrale ebbe un incremento delll'84%.

Le prime grandi installazioni

La Quartz Color, decise di puntare anche sul settore Teatrale ed iniziò effettuare le prime installazioni.

Così prima Melis poi Di Staso si ritrovarono a Siena, nel Teatro dei Rinnovati, dove si occuparono di modernizzare la torre scenica.

Nello stesso anno (1982) ebbero l'occasione di fare l'installazione completa di una televisione, Telemonte Giove di Terracina.

L'anno successivo si occuparono del nuovo canale tv ""Canale 1 Taranto"" caratterizzato da studi televisivi stupendi inaugurati da Ciriaco De Mita.

Gli inizi della prima 3T - Tecnologia Teatro Televisione

Nel 1985 nacque la prima 3T - Tecnologia Teatro Televisione. Inizialmente collaborava con la neonata Arri Italia: fu un periodo breve ed intenso.

Melis e Di Staso erano ormai pronti per muoversi nel mercato con sicurezza, mostrando passione e attenzione ai vari settori dell'illuminotecnica per spettacolo, anzi supportandola con la carpenteria elettromeccanica di sospensione.

Puntarono così alla distribuzione di marchi prestigiosi e importanti, alla meccanica di scena, quindi alle installazioni.

Tra il 1988 ed il 1992 la 3T installò tutti gli Studi televisivi regionali della Fininvest a Bologna, Firenze, Ascoli Piceno, Napoli, Genova, Venezia. Gli Studi avevano un taglio tra i 250 ed i 500 mq, ovviamente equipaggiati secondo gli standard Fininvest.

Si aggiunse nel 1992 lo Studio ""Lavanderie"" Segrate in cui si occuparono di carpenteria metallica, sospensione elettrificata, illuminazione, regolazione luci, fondali.

Seguirono altri lavori, tra i più significativi: TVA di Trento della famiglia Volani, allora imprenditori internazionali con imprese edili che asfaltavano in tutto il mondo.

La collaborazione con Strand Lighting

Iniziò una collaborazione stretta con la Strand - che nel 1986 acquistò la Quartz Color - di cui 3T divenne distributrice in esclusiva per il Nord Italia, con sede a Milano.

Due eventi importanti per la 3T, tra gli altri, furono: una vendita, piccola ma significativa a Koki Fregni, noto scenografo di quegli anni e già consulente del comune di Bologna nel 1984 per la ristrutturazione dell'Arena del Sole e nel 1989 la realizzazione dello Studio TV dell'Antoniano a Bologna.

Lo spettacolo è una professione con la quale bisogna avere un approccio quasi ""artigianale"": la collaborazione tra la multinazionale Strand del gruppo Rank e la piccola ""multicittadina"" 3T fu importante per entrambe le Aziende.

Oltre i lavori di progettazione ed installazione della 3T, in qualità di consulenti, Di Staso e Melis portarono avanti importanti progetti per la Strand.

1992: il rapporto con la Ianiro Aldo srl

Nel 1992 cominciò la collaborazione con Aldo Ianiro per poi entrare in società nel 1994 dando il via ad un'altra nuova e bella avventura che ebbe fine nel 2012.

La Ianiro Aldo Srl produceva quarzi, ma rapidamente allargò la gamma di produzione. Fu creato così un gruppo di fornitori con una produzione qualificata per presentarsi sul mercato con prodotti adeguati al lavoro da svolgere. Le vendite ed installazioni eseguite in quel periodo, tra il 1994 e 2011, furono tante e prestigiose.

Di Staso realizzò una rete di rapporti importanti e determinanti nel settore fieristico delle automobili che portò risultati importanti.

La Società raggiunse una dimensione notevole e un mercato importante in cui si occupava anche curò anche del settore dei progetti e delle installazioni.

Tra tutti, ricordiamo il progetto e l'installazione all'Auditorium Parco della Musica di Roma disegnato da Renzo Piano. Fu una grande installazione di motori, illuminatori, consoles comando luci, dimmer, americane, regolazione luci sale ed altro.

La crisi del 2008 coinvolse tutti, le installazioni calarono parallelamente alle vendite dei prodotti fabbricati e distribuiti. L'Azienda sopportò per un buon periodo la crisi e adottò dei provvedimenti, prima che la situazione divenisse irreversibile. Pur condividendone le cause, i soci non ebbero unità di intenti per uscire dalla crisi. La situazione stava precipitando. Si concordò per una divisione liquidando la vecchia Azienda e dando ad ogni socio l'opportunità di ritornare alla propria area di intervento storico: Melis e Di Staso come distributori ed installatori, la famiglia Ianiro come produttori.

Nel 2012 il nuovo inizio

Nel 2012, Melis e Di Staso ricrearono la Tre Ti, riformando il team che da oltre un decennio lavorava con loro per le vendite e le installazioni. La squadra fu rinforzata con l'inserimento di Enrico Piedi, vecchio amico e tecnico progettista capace e con una notevole e variegata esperienza.

La Tre Ti si organizzò per le vendite con marchi in esclusiva e di prestigio che hanno accompagnato il team in questi anni: Alutek, Spotlight, ETC, High End, Verlinde, aggiungendo Light Sky.

In questo primo anno la Tre Ti vendette centinaia di illuminatori Bumblebee di Light Sky ed eseguì varie installazioni, alcune molte piccole, ma importanti nella continuità della storia professionale dei due soci e del loro team. Ovviamente su tutte va menzionata la grande installazione di uno dei più grandi Teatri al mondo, con 4 palcoscenici, ad Astana.

Presente e Futuro di Tre Ti

La Tre Ti è sempre orientata ad affrontare il futuro aumentando e qualificando sempre più il proprio personale commerciale, per una presenza capillare nel territorio italiano.

Ma anche aumentare la quantità dei marchi distribuiti e realizzare un rapporto di qualità con le Ditte ritenute strategiche con cui creare un interscambio di informazioni commerciali e tecniche per migliorare sempre più i prodotti venduti e installati e il servizio.

Le maggiori installazioni ad opera di Tre Ti avvengono in paesi ricchi emergenti, extraeuropei, dove spesso la tecnologia per spettacolo è quasi sconosciuta.

La Tre Ti è costantemente proiettata ad aumentare i propri servizi tecnici in assistenza - dando sempre più rilevanza al supporto al cliente con personale e macchinari - a organizzare seminari tecnici di formazione, a potenziare sempre più l'ufficio progettazione con l'appoggio di studi ingegneristici esterni di fiducia al fine di creare un rapporto consolidato.

Anche le alleanze con altre Aziende - realizzate anche attraverso Consorzi e Reti di imprese per unificare intenti comuni ed offrire un pacchetto completo al Cliente - complementari ai prodotti Tre Ti sono importanti. Non solo secondo una prospettiva di avanguardia tecnologica ed affidabilità, ma anche da un punto di vista dei costi.

La concorrenza impone attenzione non solo ai livelli qualitativi del lavoro, ma anche alla sua economicità. Per questo la Tre Ti è associata al CEM, Consorzio Expo 2015 di Milano. Per lo stesso motivo sta portando avanti discorsi comuni con altre Aziende per arrivare ad una unicità operativa super competitiva per qualità, servizio e costi.

La grande squadra di Tre Ti

Le persone che compongono la Tre Ti Spa sono da sempre il punto forza di questa società. Negli anni tante presenze hanno dato un valore aggiunto alla Tre Ti.

Nel 1996 entrò a far parte dello staff tecnico Roberto Novelli, già esperto nel settore, che oggi è un elemento fondamentale della Tre Ti: un tecnico noto a tutto il mondo del lighting professionale per la sua preparazione ed ecletticità: progettista di impianti, illuminatori, media server, responsabile nelle installazioni, operatore luci e formatore degli stessi, lighting designer.

Nel 2002 entrò in Azienda il giovane Cristiano Perandini che fece un percorso aziendale importante, lavorando in più reparti, conseguendo un'esperienza elevata ed approdando alle vendite con una conoscenza tecnica pregevole che spesso lo porta ad essere il primo tecnico in supporto al cliente.

Nel 2008 fu assunto il responsabile tecnico che firmava la certificazione degli impianti da una decina di anni, come esterno, Antonio (Nino) Cordella, tecnico impiantista di esperienza, oggi responsabile tecnico della Tre Ti.

Nel 2007 entrò come Customer Service Giorgio Quaglietti, ancora oggi in Tre Ti, grande ed attento lavoratore che amiamo definire ""il cuore dell'ufficio vendite"".

Con la rinascita della Tre Ti Spa, non potevano mancare i figli dei due fondatori, Manuel Di Staso in amministrazione e Daniele Melis che iniziò nel ghiaccio del Kazakistan in qualità di tecnico commerciale.

All'inizio del 2014 fu inserito Enzo Salvaggio, personaggio che si è formato in due grandi realtà italiane di lighting e truss, in qualità di funzionario vendite per il Nord Italia.

"